Pandoro

Ricetta per fare il Pandoro

Ingredienti

  • farina manitoba: 260 g + qb per l’impasto iniziale
  • burro: 150 g
  • uova intere: 2
  • tuorli d'uovo: 3
  • zucchero semolato: 200 g
  • lievito di birra: 15 g
  • vanillina: 1 bustina
  • un pizzico di sale
  • mielezucchero a velo: 10 g
  • acqua o latte: 25 ml circa

Preparazione

Per prima cosa preparate la biga o lievitino sciogliendo 15 gr di lievito di birra in due cucchiai di acqua o latte tiepido. Aggiungete poi tanta farina quanto basta a ottenere un impasto non appiccicoso. Coprite il recipiente con la pellicola trasparente e lasciate lievitare in un luogo caldo della cucina fino a che non avrà raddoppiato di volume.

Una volta che la biga ha raddoppiato di volume, riprendetela e mettetela all’interno della planetaria. Aggiungete 90 grammi di farina manitoba, 100 gr di zucchero e un tuorlo. Montate la frusta a gancio e fate amalgamare il tutto impostando la velocità più bassa. Dopo una decina di minuti aggiungere un altro tuorlo e far andare fino a che l’impasto non comincia a staccarsi dalle pareti della planetaria rimanendo attaccato sul gancio dell’impastatrice. A quel punto toglietelo dalla planetaria, lavoratelo qualche minuto con le mani su di un piano leggermente infarinato, dategli la forma di una palla e mettetelo a lievitare in un recipiente coperto da un canovaccio o dalla pellicola trasparente.

Quando anche il secondo impasto avrà raddoppiato il suo volume, rimettetelo nella planetaria e aggiungete 170 grammi di farina, 100 gr di zucchero, 10 grammi di miele, un tuorlo, una bustina di vanillina e un pizzico di sale. Fate ripartire l’impastatrice alla velocità minima e dopo qualche minuto aggiungete anche due uova intere. Dopo circa 20 minuti, l’impasto dovrebbe cominciare a staccarsi dalle pareti e a rimanere ammassato sul gancio. Lavorate il burro con la frusta fino ad ottenere una crema e aggiungetelo a poco a poco all’impasto nella planetaria. Fate amalgamare per bene. Fate andare la planetaria per altri 20/30 minuti fino ad ottenere un impasto morbido ma lavorabile. Non dovrà attaccarsi alle mani, altrimenti sarà necessario aggiungere dell’altra farina.

Toglietelo dalla planetaria e lavoratelo su di un piano imburrato per qualche minuto cercando di dargli la forma di una palla.

Imburrate lo stampo da Pandoro (750 gr) e poneteci dentro l’impasto. Lasciatelo lievitare fino a che non arriverà ai bordi dello stampo. Ci dovrebbe mettere dalle 2 alle 3 ore. Cuocete in forno preriscaldato a 190° per circa 10 minuti, quindi abbassate la temperatura a 160° e proseguite la cottura per altri 25 minuti. Se la parte esterna comincia a bruciarsi troppo copritela con un foglio di alluminio. Affinchè anche l’esterno del pandoro mantenga la consistenza spugnosa bisogna mantenere nel forno il giusto grado di umidità. Per fare questo mettete sul fondo del forno un piccolo recipiente pieno d’acqua.

Prima di sfornare verificate con uno stecchino lungo (quelli per spiedini) che l’interno sia cotto. Estraendolo dovrà risultare asciutto. Togliete il pandoro dal forno e lasciatelo raffreddare molto bene prima di toglierlo dallo stampo. Spolverate con abbondante zucchero a velo oppure farcite il Pandoro utilizzando un’ottima crema al mascarpone.

Come degustare il Pandoro

Il Pandoro trova un perfetto abbinamento vini corposi, dal profumo e dal gusto intensi.


© 2019 Chiostro di Saronno - All rights reserved - P.Iva 01470360122 - Company info - Privacy and Cookies